Il partenariato regionale RCEP è il primo accordo multilaterale che include i 10 paesi membri dell’ASEAN (l’Associazione dei paesi del sud-est asiatico), le economie dell’Asia nord-orientale (Giappone e Corea del Sud), i leader del Pacifico (Australia e Nuova Zelanda) e la Repubblica popolare cinese. Annunciato per la prima volta nel 2012 e firmato il 15 novembre 2020, l’accordo RCEP comprende 20 capitoli, oltre 513 pagine, il che lo rende uno degli accordi di libero scambio più lunghi firmati fino ad oggi.

La firma del Comprehensive Economic Partnership Agreement (RCEP), ha rivitalizzato le discussioni sugli accordi di libero scambio nella regione Asia-Pacifico, e ha sollevato sia la possibilità di un maggior numero di nazioni asiatiche che entrano nel Trans-Pacific Partnership sia il futuro interesse degli Stati Uniti sotto il presidente eletto Biden. Dalla firma dell’accordo RCEP sono scaturite anche discussioni su come l’Asia nel suo insieme possa trarre vantaggio dalle proposte per lo sviluppo di una nuova zona di libero scambio in Africa guidata dagli investimenti dell’Asia, in particolare dalla Cina. Questo consolidamento del commercio globale nella regione Asia-Pacifico ha contribuito a controbilanciare l’economia globale precedentemente incentrata sull’Euro-Atlantico e fornisce la posizione in base alla quale i firmatari del RCEP possono contrastare i dazi protezionistici imposti dagli Stati Uniti o da altri grandi blocchi commerciali.

L’Asia-Pacifico, una mega regione, la più grande per territorio, per numero di paesi (60) e per popolazione con 4,53 miliardi di persone, che rappresentano il 60% della popolazione mondiale, è il motore della crescita dell’economia globale. Prima della pandemia COVID-19 (dati FMI 2019), la regione Asia-Pacifico cresceva del 4,5%, la Cina del 6,1% e l’economia globale del 2,9% e, una volta che l’emergenza sanitaria globale si sarà conclusa, dovrebbe essere la regione Asia-Pacifico ancora una volta al centro dello sviluppo economico mondiale.

Non è solo il RCEP che ha aperto la regione Asia Pacifico al libero scambio; oltre a RCEP, ci sono numerosi altri accordi regionali di libero scambio tra le parti firmatarie come i 12 accordi di libero scambio sotto l’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico e il proposto accordo di libero scambio dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai per le nazioni dell’Asia centrale e la Russia.

Gli accordi di libero scambio portano vantaggi a tutte le nazioni firmatarie, ogni paese membro dell’accordo di partenariato economico globale regionale beneficia del progetto. Australia, Corea del Sud, Giappone e Malesia sono economie che hanno una bilancia commerciale positiva con la Cina, ei 10 membri dell’ASEAN stanno crescendo grazie all’influenza geoeconomica per associazione, questa influenza geoeconomica può estendersi ai due paesi osservatori: Timor Est e Papua Nuova Guinea, come candidati per entrare a far parte dell’Associazione del Sud-est asiatico.

La porta rimane aperta per l’India per entrare a far parte del RCEP, inizialmente era impegnata nei negoziati ma alla fine si è ritirata dai colloqui nel 2019. Se l’India dovesse cercare di rivalutare la propria posizione e unirsi al RCEP, porterà con sé altri 1,38 miliardi di cittadini e il 5 ° posto più grande economia per PIL.

Se l’India dovesse aderire al RCEP, l’accordo di libero scambio rappresenterebbe quindi 3 delle prime 5 economie mondiali, Cina (2a), Giappone (3a) e India (5a) per PIL, consolidando davvero l’Asia-Pacifico come la regione economica più importante del mondo. Tuttavia, potrebbe essere necessario del tempo prima che i vantaggi del RCEP abbiano effetto, l’accordo ha un periodo di attuazione particolarmente lungo di 20 anni, sebbene la maggior parte delle nazioni firmatarie abbia già accordi commerciali reciproci tra loro, la maggior parte delle nazioni probabilmente non impiegherà l’intero periodo per conformarsi all’accordo.